italian articles

 

vice_news_og_image

24/10/2016

Il teschio calabrese diventato simbolo delle battaglie dei neoborbonici

Giuseppe Villella, bandito calabrese della seconda metà dell’Ottocento, aveva una testa degna di nota.

Il suo cranio, finito nelle mani dell’antropologo Cesare Lombroso, fu la base per formulare la teoria dell’atavismo criminale, secondo la quale esisterebbero tratti ereditari che conferirebbero ad alcuni individui una predisposizione al crimine.

A circa 150 anni dalla sua morte, però, il bandito calabrese ha involontariamente scatenato una specie di guerra. Oggetto del contendere: cosa fare dei suoi resti, attualmente esposti al Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso” di Torino.

leggi online

 

 

vice_news_og_image

24/5/2016

Com’è vivere in una gated community: siamo entrati in uno dei quartieri ‘blindati’ d’Italia

Il quartiere col muro di cinta intorno. Le gated community sono aree residenziali recintate, sorvegliate giorno e notte da guardie e telecamere. Si tratta di vere e proprie ‘città nella città’ in cui vigono regole proprie, e dove gli estranei – prima di entrare – devono identificarsi e specificare il motivo della visita.
Abitate da persone abbienti e in cerca di un ‘rifugio’ in sicurezza, le gated community sono diffuse principalmente negli Stati Uniti, in Sud Africa e in Sud America. Anche il Nord Italia però ospita un esempio di gated community: si tratta di Borgo di Vione, un’ex cascina in provincia di Milano trasformata in residenze di lusso nel 2011 dalla famiglia milanese Vedani.

leggi online

il_Manifesto_quotidiano_comunista

20/05/2016

Le reti ribelli di New York 

Digital divide. Oggi due milioni di newyorkesi non hanno accesso a Internet. Mesh, un progetto nato dal basso per i disoccupati dell’estrema periferia di Brooklyn può rovesciare il potere dei «super provider» e fornire connessioni gratuite o una rete d’emergenza solida come accaduto per l’uragano Sandy. Casa per casa, un balcone alla volta, la rivoluzione allaccia nuovi «nodi»

leggi online

il_Manifesto_quotidiano_comunista

 

 

07/05/2016

 La lobby dei riparatori

Negli Stati uniti il «diritto ad aggiustarsi» gli oggetti elettronici è un problema serio. Per i grandi produttori le uniche riparazioni consentite sono quelle effettuate da tecnici autorizzati di aziende che usano ricambi rigorosamente originali. Dalla loro parte hanno la legge sul copyright promulgata nel 1998. Ora, contro lo strapotere delle multinazionali, la Repair Association lavora per cambiare le cose

leggi online

 

vice_news_og_image

14/4/2016

Verità tossiche: la storia dell’altra “Terra dei fuochi” italiana tra Piemonte e Liguria

Serravalle Scrivia è una cittadina in provincia di Alessandria, conosciuta principalmente per il suo outlet, il più grande d’Europa. A poco meno di un chilometro da lì spicca quel che resta dell’Ecolibarna, un’azienda di smaltimento di rifiuti tossici che ha trasformato questa zona fra Tortona e Genova nella “terra dei fuochi piemontese.”

leggi online

vice_news_og_image

12/2/2016

Morire d’amianto: la ‘strage’ silenziosa di un paesino della provincia pavese

Broni è un comune di circa 9500 abitanti in provincia di Pavia, noto per essere la città con il numero maggiore di morti da tumore per metro quadro. Dal 1994 ad oggi, infatti, qui sono morte circa 700 persone.

leggi online

vice_news_og_image

17/12/2015

Questo “triangolo nucleare” in Piemonte è uno dei posti più pericolosi d’Italia

Saluggia è un piccolo centro fra Torino e Vercelli, famoso per la coltivazione di un tipo di fagiolo nano molto apprezzato da buongustai e gourmet, e per ospitare circa il 96 per cento delle scorie nucleari italiane.

leggi online

vice_news_og_image

3/11/2015

Torino vuole svendere questo patrimonio Unesco per pagarsi i debiti

La Cavallerizza Reale di Torino è l’ex accademia di cavalleria del regno di Savoia, ventiduemila metri quadri di edifici seicenteschi, cortili, giardini e due teatri dichiarato dall’Unesco patrimonio mondiale dell’Umanità, assieme alle altre residenze sabaude. Oggi il comune di Torino vorrebbe venderla ai privati per circa 7 milioni di euro.

leggi online

VICE-logo

24/07/2015

Perchè a Milano ci sono così tanti bar cinesi

Buona parte di quello che pensiamo sui bar cinesi è falso – siamo andati in giro per bar cinesi a Milano per capire perché sono così tanti.

leggi online

VICE-logo

5/05/2015

I rabbini amiconi

Com’è vivere a Milano nel 2015 quando fai parte di una delle più grandi organizzazioni dell’ebraismo ultra-ortodosso.

leggi online


Unknown

13/12/2014

Il piccolo esodo degli ebrei italiani. 

Nel 2014 sono partiti in 300. Mai così tanti dagli anni ’70. Un tempo erano ragazzi, ora sopratutto famiglie. Più romane che milanesi. Alla ricerca di un impiego e della possibilità di vivere pienamente la propria cultura.

leggi l’articolo in pdf

Unknown

25/10/2014

Quella pacifica valle bresciana che vende armi a mezzo mondo.

Val Trompia: Una terra lunga 50 km produce il 60% delle pistole e carabine d’Europa. E grazie a una legge flessibile qualcuna finisce dove non dovrebbe.

leggi l’articolo in pdf

Unknown

27/09/2014

Perché Milano costruisce case che nessuno comprerà.

Cementificazione: Nel capoluogo lombardo si continuano a edificare quartieri destinati a restare deserti. Un paradosso legato alla bolla edilizia dei primi anni duemila. E alla miopia di chi continua a pensare solo in termini di espansione urbana.

leggi l’articolo in pdf

Unknown

06/09/2014

pop porno addio: è l’era del ghetto

Crisi: internet ha ucciso un settore che fino a sei anni fa fatturava 1,5 miliardi di euro. Ma pesa anche il cambio dei gusti del gusti: il pubblico non vuole più le star, chiede le vicine di casa.

leggi l’articolo in pdf

Unknown

26/07/2014

La Chinatown milanese (quasi) gentrificata.

Via Sarpi: Mentre il capoluogo si rifà il look per l’expo, che porterà almeno un milione di visitatori dal Celeste Impero, la zona storica dei cinesi cambia volto, attirando giovani coppie e professionisti. Un mix inedito in Europa.

leggi l’articolo in pdf

Unknown

20/06/2014

Olivetti, un passato che non torna: a Ivrea il futuro non c’è più.

Nord ovest: Il boom dei call center non porta lontano. Le guerre delle arance a Carnevale danno poco respiro. La città si gratta la ferita e non perdona. Anche se il welfare ereditato dai giorni migliori le permette di vivere al di sopra dei propri mezzi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s